Curiosita'


Il gatto e la genetica del mantello (parte II)

Il gatto e la genetica del mantello (parte II)
La pelliccia di un gatto può essere formata da circa duecento peli per millimetro quadrato, una densità che consente al “nostro micio” di proteggersi dalle temperature più rigide. Il mantello comprende peli più lanuginosi, che sono i più corti, sottili, morbidi e i più vicini alla pelle che han il compito di trattenere il calore corporeo. Vi sono poi peli setolosi, che sono una via di mezzo fra la lanugine ed i peli di protezione, una sorta di mantello intermedio sempre con protezione isolante. I peli di protezione sono i più lunghi e spessi poiché devono proteggere la lanugine mantenendola calda e asciutta.
La lunghezza del pelo è determinata dal gene autosomico chiamato fattore di crescita 5 dei fibroblasti (FGF5). La forma Wild Type dominante del gene produce pelo corto, mentre le forme mutate recessive quello lungo.
Ad ogni modo, sia che essi siano a pelo raso, corto o lungo, folto o meno, i nostri amici gatti spiccano per il loro fascino che rimarrà immutato nel tempo.

24 luglio 2014

Claudia Sordelli

Tag

Gatto

Pelo

Pelliccia

Che ne pensi?