Curiosita'


L’uomo: la più grande causa dell’inquinamento ambientale

L’uomo: la più grande causa dell’inquinamento ambientale
Si sono spesso combattute delle guerre per il petrolio ma, ben presto le guerre non saranno più per il petrolio, bensì per l’acqua poiché il nostro paese si è aggiudicato il ventitreesimo posto nella classifica delle ottanta nazioni che ben presto verranno colpiti dalla crisi idrica perché l’acqua, pur essendo uno dei pochi elementi presenti nell’ambiente in grande quantità, non è inesauribile. L’inquinamento, tuttavia, non è causato solo dall’abbondante spreco d’acqua. La maggior parte della popolazione pensa che l’inquinamento sia causato dall’uomo, il quale brucia petrolio causando un incremento dell’effetto serra; l’urbanizzazione e, di conseguenza, la costruzione di case, strade, negozi, supermercati, palestre, centri commerciali e così via, ma anche l’utilizzo di metodi di coltivazione scorretti causano una perdita di terreni coltivabili ma anche la deforestazione grazie alla quale si spediscono legni pregiati nel mondo occidentale. Anche se i popoli antichi utilizzavano le risorse ambientali per vivere bene, noi lo facciamo con tanta intensità a tal punto da creare degli squilibri negli ecosistemi. Anche se molti pensano che l’inquinamento sia causato dall’uomo, alcuni affermano che anche l’ambiente faccia la sua parte. Per esempio, l’aumento della temperatura causa siccità, alluvioni, uragani e riduzione dei ghiacciai. La perdita dei terreni coltivabili è data anche dall’innalzamento della falda marina. Possiamo dunque affermare che la maggiore colpa sia da attribuirsi all’uomo perché molti disastrosi eventi ambientali sono causati dall’uomo.

17 aprile 2015

Federica Perticone

Tag

uomo

ecosistema

acqua

Che ne pensi?