Curiosita'


Ali di vetro

Ali di vetro
Non si può dire sia una facile preda, non la si vede svolazzare tra i prati o spostarsi di fiore in fiore perché è difficile da scovare, ma quando la si vede non si può che rimanerne piacevolmente affascinati: stiamo parlando del lepidottero Greta Oto, la farfalla con le ali di vetro.
E’ diffusa nel centro America e in Messico in ambienti tropicali, dove viene chiamata “Espejitos” che significa piccoli specchi. Essendo queste zone ad alta temperatura la farfalla per ripararsi dai raggi solari si riposa nelle zone ombreggiate.
Le ali, la cui apertura alare è di 6 cm, sono trasparenti cioè prive di pigmento ma con bordi colorati la cui tonalità varia dal marrone al rosso. Questa particolare caratteristica ha incuriosito degli scienziati del Karlsruhe Institute of Technology (KIT) che hanno deciso di condurre uno studio sulla conformazione delle ali della Greta Oro. Lo studio ha rivelato che queste sono ricoperte da nano-strutture di varia dimensione e lunghezza disposte in modo casuale che le rende soggette ad una bassissima rifrazione della luce e permettono alla farfalla di passare in secondo piano in qualsiasi ambiente.
Un’altra strategia di sopravvivenza si viene a sviluppare già allo stadio di pupa, lo step che precede lo stadio adulto, in cui le crisalidi, che sembrano dei pezzettini d’oro, riflettono ciò che le circonda assicurando così un buon nascondiglio. Questo nascondiglio solitamente si trova in piante velenose: non solo perché tengono le uova al sicuro dai predatori, ma anche perché le larve poi se ne ciberanno!
E’ un esemplare da tutelare, particolarmente delicato e sensibile all’inquinamento, non in pericolo d’estinzione.
Ora non vi rimane che trovarla!

23 giugno 2015

Marta Trevisan

Tag

farfalla

ali

vetro

Che ne pensi?